La politica e la sobrietà secondo José Mujica; Mujica è stato Presidente dellUruguay dal 2010 al 2015; gli è succeduto il rappresentante del Fronte Ampio, il medico socialista Tabaré Vázquez (che era già stato Presidente dal 2005 al 2010).

  1. La mia idea di vita è la sobrietà. Concetto ben diverso da austerità, termine che avete prostituito in Europa, tagliando tutto e lasciando la gente senza lavoro. Io consumo il necessario ma non accetto lo spreco. Perché quando compro qualcosa non la compro con i soldi, ma con il tempo della mia vita che è servito per guadagnarli”.
  2. “E il tempo della vita è un bene nei confronti del quale bisogna essere avari. Bisogna conservarlo per le cose che ci piacciono e ci motivano. Questo tempo per se stessi io lo chiamo libertà. E se vuoi essere libero devi essere sobrio nei consumi. L’alternativa è farti schiavizzare dal lavoro per permetterti consumi cospicui, che però ti tolgono il tempo per vivere”.
  3. “Lo spreco è funzionale all’accumulazione capitalista, che per essere alimentata ha bisogno che compriamo di continuo, ci indebitiamo fino alla morte”.
  4. “Se in 7 miliardi vivessimo tutti come il nordamericano medio ci vorrebbero tre pianeti. Serve misura. E fare delle scelte”.
  5. Se si dimezzassero i 2000 miliardi di dollari per spese militari si cancellerebbe la fame dal mondo. I mezzi ci sono, li spendiamo male. Si parla da 20 anni di Tobin Tax, sulle transazioni finanziarie. Per Wall Street cambierebbe poco, tantissimo invece per il welfare in crisi ovunque: perché non si fa?”.
  6. Papa Francesco è un gran personaggio. Condividiamo la sobrietà. Se lo lasciano fare potrebbe riportare la Chiesa a una vocazione più popolare”.
  7. “La differenza tra destra e sinistra è proprio che quest’ultima dovrebbe avere come priorità la fratellanza, ridurre le differenze economiche, e quindi sociali, che per la destra sono invece buone e auspicabili”.
  8. “La politica è l’arte di organizzare il futuro, senza subirlo come se fosse il terremoto. La vita è breve, ci scappa dalle mani, e nessun bene materiale vale altrettanto: capire questo è fondamentale”.
  9. “Il mio progetto di legalizzare la marijuana, facendola gestire allo Stato a un dollaro ai grammo è un tentativo. Odio la droga, ma il narcotraffico è, se possibile, ancora più pericoloso. La guerra fatta sin qui non ha funzionato. Proviamo questa strada e guardiamo come va”.
  10. L’animale uomo resta, essenzialmente, un animale utopico, nel senso che ha sempre bisogno di qualcosa in cui credere, perché se non ci si innamora di qualcosa non ha senso alzarsi tutte le mattine e continuare a lottare”                                                           (dall’intervista a José Mujica di Riccardo Staglianò, il Venerdì 8-11-2013) (nella foto Fiumana di Pellizza da Volpedo, 1895)